Questo blog è gestito da un fedele laico che stima la vita contemplativa delle claustrali. Per contattarmi potete scrivere all'indirizzo: cordialiter@gmail.com

Visualizzazioni totali

lunedì 26 giugno 2017

Suore di Clausura in Veneto

____________________________________________________________


Le donne che sentono nel proprio cuore di avere la vocazione alla vita matrimoniale, ma non riescono a trovare un fidanzato cristiano, possono leggere il seguente annuncio di un ragazzo che sta cercando una donna che sia fedele agli insegnamenti della Chiesa Cattolica. Cliccare qui per leggere l'annuncio.


xz5
_______________________________________________________________




In passato il Veneto era una regione povera economicamente, ma ricca spiritualmente. Era una sorta di roccaforte cattolica rispetto ad altre regioni italiane, e le vocazioni rifiorivano rigogliose. Poi è arrivato il benessere economico, molti hanno aperto un'impresa, la disoccupazione è crollata ai minimi, ecc. Purtroppo, però, molta gente si è allontanata da Dio. Dice infatti il Salmista, “nella prosperità l'uomo non comprende, è simile alle bestie che muoiono”. Vista la secolarizzazione dell'Occidente cristiano, era logico aspettarsi un crollo delle vocazioni anche nel Veneto, e così è stato. Nonostante la desertificazione spirituale, la Madonna, che è Mediatrice di tutte le grazie, riesce a far sbocciare dei roseti che profumano di virtù cristiane. Grazie a Dio ci sono ancora alcuni buoni monasteri che hanno tante vocazioni. E' davvero sorprendente constatare le numerose vocazioni di ragazze venete che questo monastero riesce ad attrarre, nonostante le clarisse vivano nella clausura e non possono uscire a far propaganda vocazionale. La preghiera è veramente una potentissima arma spirituale!

Chissà, forse ci sono delle ragazze che leggono questo blog dal Veneto, che sperano di entrare un giorno in qualche ottimo ordine religioso, ma hanno timore di fare il “grande passo”. Non scoraggiatevi! Vi consiglio di cuore di mettervi nelle mani materne della Beata Vergine Maria Addolorata, recitandole una novena in onore dei dolori che patì nel vedere suo Figlio inchiodato alla Croce del Golgota. Non si è mai sentito dire da nessuno al mondo che qualcuno, dopo essersi affidato con fiducia a Maria, sia stato da ella abbandonato.