Le donne (sia nubili che sposate) che desiderano ravvivare la fede e la devozione, possono trascorrere alcuni giorni in un monastero per fare un ritiro spirituale, cioè approfittare della pace che regna nei monasteri per poter raccogliersi interiormente ed elevare la mente e il cuore a Dio mediante la meditazione e la preghiera. Uno dei migliori monasteri che accoglie volentieri donne per ritiri spirituali è quello delle Monache Visitandine di Baggiovara (Modena), che potete contattare scrivendo al loro indirizzo di posta elettronica:  monvisit@virgilio.it   Le Visitandine saranno liete di ospitarvi e aiutarvi a trascorrere dei giorni in serena letizia cristiana, nella pace del monastero. Se Modena è troppo distante da casa vostra, potete scrivermi per chiedermi gli indirizzi di monasteri situati in altre regioni italiane. Vi basterà dirmi in quale regione state cercando un monastero e se volete fare un semplice ritiro spirituale (al quale possono partecipare anche donne che non hanno la vocazione religiosa, ma vogliono solo trascorrere alcuni giorni in un monastero per ritemprare lo spirito), oppure un'esperienza di vita religiosa per motivi vocazionali (molti monasteri accolgono solo donne in discernimento vocazionale). Per informazioni scrivere al mio indirizzo: cordialiter@gmail.com


A coloro che desiderano chiedere preghiere alle suore di clausura, consiglio di contattare il monastero delle Monache Benedettine di Fermo (Marche), scrivendo al seguente indirizzo:  m.benedettine @ alice.it  (scrivere l'indirizzo tutto attaccato, senza spazi). Saranno molto felici di rispondere alle vostre lettere! Le donne possono anche chiedere consigli sulla vocazione religiosa, o anche di poter fare un'esperienza vocazionale in monastero.

Elenco blog personale

venerdì 6 luglio 2012

Ritirarsi in preghiera

Tempo fa una ragazza mi ha confidato di non riuscire a studiare, perché si sente attrarre dalla preghiera.

Ciao, sono [...], ho 22 anni e sono in crisi! Perché mi trovo su un bivio, dove non so che strada prendere! Io studio ingegneria civile, ma in quest'ultimo anno ho fatto solo 4 esami, e ora non riesco a studiare. Ad agosto ho fatto servizio al [..], ma quando sono tornata a casa ero felice e pensavo di riuscire a studiare, ma non ci sono riuscita, perché passo giornate intere a pregare. Io sento che Dio mi stia chiamando! Però mi sento in colpa perché non riesco a studiare! Vorrei farmi 2 esami in questa sessione, ma come faccio? Io ci provo a studiare, ma ho il pensiero sempre rivolto a Dio e prego sempre! Poi penso: chissà forse Lui vuole che io studio e invece non ci riesco, e mi sento in colpa.

Però mi sento fortemente chiamata, anche quando leggo il Vangelo o la Bibbia, sento che Lui mi dice: seguimi e lascia tutto ciò che hai. Sento un forte bisogno di dedicare la mia vita a Lui e al prossimo. E poi è capitato un giorno che sono riuscita a studiare (poco), però sentivo che mi mancava qualcosa, non è come lo scorso anno che quando studiavo ero soddisfatta e felice. Ora queste materie le odio, non mi dicono più niente, mentre prima le amavo! [...] Tu cosa mi consigli di fare? Non so se insistere con lo studio o continuare a pregare come sto già facendo.

Grazie per la tua attenzione!

Cara sorella in Cristo,
                                   è davvero “curiosa” questa tua forte attrazione per la preghiera che, quasi fosse una calamita, ti stacca dai libri universitari e ti porta a Gesù buono. Oh, quanto vorrei che questa “calamita” attirasse alla preghiera tante altre persone! :-)

In effetti, se hai sempre voglia di pregare, sarà difficile continuare a studiare e terminare l'università. Diceva Sant'Alfonso che quando una persona si sente chiamata alla vita religiosa, deve subito darsi da fare per poter adempiere alla divina vocazione. Però, certi ordini preferiscono far terminare gli studi (almeno quando sono giunti verso il termine) prima di accogliere una persona in convento. Insomma, in questi casi si agisce “caso per caso”.

Secondo me l'ideale sarebbe poter fare un'esperienza vocazionale in un ordine fervoroso e osservante, per vedere se ti senti portata per la vita religiosa. Se non sai a chi rivolgerti, ti consiglio di contattare le "Serve del Signore e della Vergine di Matarà" (dette anche "Servidoras"). Quest'ordine ha sia il ramo di attiva, sia quello di vita contemplativa in clausura. Le suore del ramo attivo sono impegnate su tutti i fronti: dall'apostolato coi giovani a quello con gli anziani, dalla carità verso i poveri all'apostolato della cultura, dalle missioni estere all'apostolato nelle parrocchie italiane. Si occupano di asili, scuole, editoria, esercizi spirituali, campi estivi, assistenza ai disabili, apostolato vocazionale, aiuto materiale ai poveri affamati, ecc. Insomma, ovunque c'è bisogno di evangelizzazione, le Servidoras sono presenti con il loro zelo apostolico. Queste suore (in maggioranza giovani) rispondono volentieri alle domande che le rivolgono le ragazze in discernimento vocazionale come te. Puoi contattarle e dirle le stesse cose che hai detto a me. Queste gioiose e caritatevoli suore ti sapranno consigliare quel che è meglio fare. Ecco il loro indirizzo: vocazione@servidoras.org

Ti saluto cordialmente in Gesù e Maria,

Cordialiter